Nell'autunno del 2003 siamo stati contattati da uno scienziato svizzero che si occupa da diversi anni delle proprietà energetiche dell'acqua. All'epoca aveva già analizzato una grande quantità di campioni d'acqua provenienti dall'Europa, dal Giappone, dagli Stati Uniti e da altri paesi europei, analizzandoli chimicamente o energeticamente.

Ispirato dalle pubblicazioni sul nostro sito e da tutti gli studi che abbiamo già effettuato, era interessato ad integrare la nostra tecnologia per migliorare le virtù dei suoi prodotti per la vivificazione dell'acqua potabile. Dopo il nostro primo incontro ci ha offerto di analizzare il potenziale dell'AQUIVATOR, uno dei nostri dispositivi per la vivificazione dell'acqua potabile. La sua idea principale era quella di raggiungere un numero maggiore di persone per presentare la sua nuova tecnica. Le seguenti immagini sono presentate con il suo consenso.

Metodo PEWA

Mentre la tecnica fotografica sviluppata dallo scienziato giapponese Masaru Emoto ci mostra "solo" la formazione di cristalli in due dimensioni (il loro passaggio dallo stato liquido allo stato solido cristallino) fotografati al microscopio in un piccolo lasso di tempo (da pochi secondi a pochi minuti) i collaboratori del laboratorio PEWA sembrano seguire una strada opposta:

Essi osservano la transizione dei campioni d'acqua in una camera di diffusione. Durante questo processo l'acqua formerà (da una a tre ore) un cristallo tridimensionale. Uno dei grandi vantaggi di questa tecnica potrebbe essere il fatto che il processo di crescita può essere facilmente osservato ad occhio nudo. Inoltre è possibile fotografare i cristalli da tutti i lati e possono quindi essere analizzati e interpretati in modo molto preciso.

La differenza principale del metodo PEWA è che la crescita dei cristalli può essere verificata su un periodo di tempo molto più lungo, in modo che gli scienziati specializzati possano beneficiare dei dati aggiuntivi molto importanti. Riteniamo che - rispetto ad altre tecniche - i risultati della procedura PEWA siano ancora più significativi.

Questo metodo aiuta chiaramente a rilevare se i campioni d'acqua sono stati esposti all'inquinamento ambientale. Nel caso in cui i cristalli mostrino proprietà di crescita molto diverse rispetto ai campioni di acqua pura naturale. L'acqua inquinata da inquinanti chimici o da influenze esterne come l'elettrosmog mostra normalmente una struttura molecolare disturbata. Non bisogna dimenticare che l'acqua inquinata non mostra più alcuna forza vitale. Non sorprende quindi che l'acqua rivitalizzata o dinamizzata ci mostri sempre proprietà di crescita completamente diverse.

Il metodo PEWA è ideale per osservare la crescita delle forze vitali al "rallentatore".

Dai... facciamo crescere dei cristalli.

Siamo abituati a confrontarci - nella maggior parte degli studi scientifici - con immagini bidimensionali. Riteniamo che non solo le "immagini piatte", ma preferibilmente i cristalli tridimensionali debbano essere osservati e analizzati. Siamo convinti che tutti gli scienziati potrebbero vedere che saranno disponibili molte più informazioni per analisi più dettagliate e per determinare la qualità biologica ed energetica dell'acqua in generale. In particolare sarà molto importante analizzare come e in che modo i cristalli crescono, in quale direzione i cluster tendono a creare rami e - sorprendentemente - quanto sono grandi e quanto bene si formano i rami.

Le immagini seguenti descrivono gli studi che sono stati effettuati analizzando il vivificatore per acqua potabile AQUIVATOR sviluppato dalla dita BIOTAC LINE©.

L'immagine a sinistra mostra la crescita di un cristallo (è stata usata l'acqua del rubinetto) dopo 90 minuti. L'immagine a destra documenta la differenza, se l'AQUIVATORE è collegato al rubinetto e se l'acqua potabile è energizzata.

Lo scienziato che ha condotto gli studi si è detto molto sorpreso dei risultati. Ha persino sottolineato l'importanza del fatto che dopo 90 minuti anche intorno al bordo del contenitore si sono formati dei cristalli. Secondo il laboratorio questa è una prova lampante dell'eminente energia bioenergetica di questo campione d'acqua. Normalmente, ci conferma, questa forma di crescita può essere vista solo nei casi in cui si analizza l'acqua pura proveniente da una fonte naturale.

Il professore di chimica Dr. Mu Shik John della Corea del Sud è convinto che le carenze immunitarie possano essere curate con acqua che contiene strutture esagonali. Grazie alla sua struttura cristallina, questa forma d'acqua penetra facilmente tra i vasi esagonali delle pareti cellulari e trasporta molto rapidamente le sostanze nutritive all'interno delle cellule ed estrae sostanze nocive all'esterno delle cellule.

L'acqua è il mezzo in cui avvengono tutti i processi chimici e le trasformazioni cellulari.

Nel nostro corpo umano ci sono due tipi di acqua: (A) acqua versatile ed esagonale e (B) acqua non versatile. L'acqua "versatile ed esagonale" mostra sei molecole con una connessione comune all'idrogeno. L'acqua "non-versatile" mostra l'acqua che è attaccata alle molecole.

Non dimenticate che solo l'acqua "versatile ed esagonale" è in grado di idratare le nostre cellule! Solo l'acqua strutturata in forma esagonale è in grado di accumulare sostanze nutritive nelle cellule e di filtrare ed estrarre tutti i tipi di inquinanti dalle cellule.

Come già detto, i neonati "consistono" quasi esclusivamente di acqua esagonale. Dopo che la percentuale di acqua legata organicamente nel corpo aumenta e domina. Questo fatto implica che i processi metabolici sono limitati e rallentati e la comunicazione tra le cellule peggiora. Le tossine nel corpo non vengono eliminate in modo sufficiente, ci ammaliamo e invecchiamo più rapidamente. È quindi molto essenziale alimentare il nostro corpo con acqua esagonale; questa forma di acqua supporta tutte le forme di processi di guarigione naturali.

Poiché l'acqua del rubinetto e l'acqua minerale in bottiglia raramente hanno una struttura esagonale, il corpo umano elimina l'acqua senza svolgere la sua funzione naturale e di conseguenza invecchia più rapidamente. Secondo il dottor Alexis Carrell, premio Nobel per la Fisiologia e la Medicina nel 1912, le cellule stesse saranno immortali; solo il fluido in cui si trovano le cellule può essere degenerato.

"Rinnovate quel fluido, date alle cellule tutte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno e, per quanto ne sappiamo, vivrete per sempre."

>• studio dell'anno 2000 * Aquaflow
>• studio dell'anno 2001 * Vita Soma
>• studio dell'anno 2002 * Aquaflow
>• studio dell'anno 2003 * Aquivator
>• studio dell'anno 2004 * Vita Card
>• studio dell'anno 2005 * Aquaflow
>• studio dell'anno 2012 * Energy Cards
>• studio dell'anno 2017 * AQUA-Spin

BIOTAC LINE

Engineered in Germany & Switzerland
Made with Love and Compassion